Torneo Internazionale di Tennis Città di Gaeta

23 GIUGNO - 1 LUGLIO

Il Circuito maschile ITF

Il Circuito maschile ITF Pro fornisce l’entry level ai tornei professionistici maggiori appartenenti al Circuito Challenger e ATP World Tour.

Con oltre 600 tornei l’anno in 77 paesi, prevede tornei con due livelli di montepremi (€ 15.000 e € 25.000) denominati “Futures”.

Negli anni, la maggior parte degli attuali campioni del circuito maggiore sono passati attraverso i tornei Futures di tutto il mondo

come ad esempio il campione spagnolo Rafael Nadal.

Dal 23 giugno al 1° luglio, il Circolo Tennis Gaeta organizza per la prima volta un Torneo Internazionale di Tennis maschile appartenente al circuito ITF Pro.

Le giovani speranze, nazionali ed internazionali, si sfideranno sui campi in terra rossa dello storico Circolo affacciato sulle rive del Mar Tirreno per tentare la scalata alla classifica internazionale.

Il Format del Torneo

RANKING POINTS

Winner

18

Runner-up

10

Semi-Finalists

6

Quarter-Finalists

2

Round of 16

1

Round of 32

0

Il torneo prevede una fase di qualificazione che si disputerà nei giorni 23 e 24 giugno con 32 atleti al via. Per alcuni di loro, a partire dal 25 giugno, ci sarà l’accesso al tabellone principale che si compone di 32 atleti nel singolo e 16 coppie nella specialità del doppio.

Il montepremi della manifestazione sarà di 15.000 $. I match saranno disputati sia durante le ore diurne che notturne.

La kermesse sportiva offrirà anche ampi spazi per iniziative ludiche, culturali, sociali e gastronomiche.

TOURNAMENT PRIZE MONEY • US DOLLARS 15.000

Singles 32 draw
11.250
Doubles (per Team) 16 draw
3.750

Winner

2.160

Winner

930

Finalist

1.272

Finalist

540

Semi-Finalists

753

Semi-Finalists

324

Quarter-Finalists

438

Quarter-Finalists

192

Round of 16

258

Round of 16

108

Round of 32

156

Tradizione, storia,
cultura e sport...
a due passi dal mare

Il Circolo Tennis Gaeta nasce dall’entusiasmo di un gruppo di appassionati che nel 1967, dopo essersi costituiti in club, decisero di promuovere un’attività organizzativa ed agonistica con lo scopo di diffondere la pratica del tennis nel sud pontino.

Nel marzo del 1968, il nuovo impianto di via Annunziata ospitò un incontro a squadre di caratura internazionale tra le rappresentative dell’Italia e la Cecoslovacchia.

Divenuto un punto di riferimento nel calendario agonistico per gli allievi Under 21, il Circolo ha ospitato negli anni a seguire tanti giovani atleti italiani e stranieri, alcuni dei quali sono entrati a far parte della storia del tennis.

Tra questi ricordiamo i fratelli Panatta, Barazzutti, Bertolucci, Canè, Noah, Cancellotti e tanti altri.

Negli anni, il Circolo Tennis Gaeta è sempre rimasto un punto di riferimento provinciale fino a tornare nuovamente protagonista a livello regionale e nazionale con la prima squadra maschile che ha raggiunto la serie B. Tra gli elementi di richiamo anche il Torneo Open, giunto nel 2017 alla XXXVI edizione.

Il 2017 è stato un anno di grandi festeggiamenti per il raggiungimento di un obiettivo importante: cinquant’anni di attività sportiva.

Posizionato nell’area storica di Gaeta, a due passi dall’omonimo golfo e dalle principali attrazioni della cittadina tirrenica, il CT Gaeta è dotato di 4 campi da tennis in terra battuta e una palestra. Tutti i campi sono dotati di illuminazione.

Posizionato nell’area storica di Gaeta, a due passi dall’omonimo golfo e dalle principali attrazioni della cittadina tirrenica, il CT Gaeta è dotato di 4 campi da tennis in terra battuta e una palestra. Tutti i campi sono dotati di illuminazione. Interamente circondato dal verde e con vista mare, il complesso sportivo rappresenta una struttura ideale dove svolgere attività agonistica e non, durante tutti i mesi dell’anno. Dotato inoltre di ristorante, pizzeria e bar, il CT Gaeta è un luogo dove poter trascorrere giornate in completo relax e in compagnia.

Perché
essere
partner del
Torneo ITF
di Gaeta

Il Torneo di tennis del circuito “ITF” ospitato dal Circolo Tennis Gaeta intende essere un evento in grado di coniugare qualità e intrattenimento. I partner sostenitori della manifestazione, oltre a migliorare il posizionamento sui rispettivi mercati di riferimento e la visibilità del brand, potranno essere percepiti dagli oltre 5.000 spettatori attesi, come aziende dinamiche, positive e sostenitrici dell’economia locale. Essere partner della manifestazione vuol dire far parte di una macchina organizzativa giovane che ha le sue fondamenta nei valori sani dello sport.

SOCIALITÀ, LAVORO DI SQUADRA, LEALTÀ E AMBIZIONE SONO I CARDINI DI UN EVENTO DESTINATO A CRESCERE NEL TEMPO.

Le forme di sponsorship

TITLE SPONSOR

Nome Torneo
Logo sul campo centrale e laterali (min. 3 campi) posizione A
Logo su tutti i prodotti di comunicazione (poster, locandine, mailing, banner, sito, comunicati stampa)
2 pagine pubblicitarie sulla Rivista ufficiale del Torneo
Intervista sul sito www.ctgaeta.it
Area Commerciale
Hospitality (2 stanze B&B: 29 giugno / 1 luglio)
Welcome dinner 29 giugno (4 pax)

PLATINUM SPONSOR – 8000€ + iva

Logo sul campo centrale e laterali (min. 3 campi) posizione B o C
Logo su tutti i prodotti di comunicazione (poster, locandine, mailing, banner, sito, comunicati stampa)
1 pagina pubblicitaria sulla Rivista ufficiale del Torneo
Area Commerciale
Hospitality (1 stanza B&B: 29 giugno / 1 luglio)
Welcome dinner 29 giugno (2 pax)

GOLD SPONSOR – 4000€ +iva

Logo sul campo centrale e laterali (min. 3 campi) posizioni D1 e D2
Logo su tutti i prodotti di comunicazione (poster, locandine, mailing, banner, sito, comunicati stampa)
1 pagina pubblicitaria sulla Rivista ufficiale del Torneo
Hospitality (1 stanza B&B: 29 giugno / 1 luglio)
Welcome dinner 29 giugno (2 pax)

SILVER SPONSOR – 2000€ + iva

Logo sul campo centrale e laterali (min. 2 campi) posizioni da E1 e E8
Logo su tutti i prodotti di comunicazione (poster, locandine, mailing, banner, sito, comunicati stampa)
Welcome dinner 29 giugno

SUPPORTING SPONSOR – 1000€ + iva

Logo sul campo centrale posizione F
Logo e citazione sui principali canali di comunicazione

Posizionamenti
degli sponsor

TITLE SPONSOR A
PLATINUM SPONSOR B e C
GOLD SPONSOR D1 e D2
SILVER SPONSOR E1 fino E8
SUPPORTING PARTNER

I Partner 2018

La visibilità

L’intera manifestazione avrà una copertura mediatica importante in tutte le fasi del torneo: prima, durante e post evento. Il torneo di tennis potrà essere seguito in live streaming sulle piattaforme omologate dalla Federazione Internazionale.

sui media

Sarà possibile seguire la manifestazione anche su Lazio TV e sui tutti i media del gruppo editoriale, sull’emittente televisiva SuperTennis, su Radio Spazio Blu, sul portale della Federtennis e sui siti di settore e del territorio.

I promotori

Antonio Spicciariello

Broker Manager di Coldwell Banker Immobiliare, è un grande appassionato di tennis e da quattro anni è il main sponsor del CT Gaeta.

Grazie alla sua passione e ambizione la squadra maschile, in pochissimo tempo, ha realizzato la scalata dalla serie D alla B. L’arrivo nel team di un Top 100 come Roberto Carballes Baena per il campionato di serie B 2018 rappresenta la volontà del patron di giocare un ruolo di primo piano nel panorama nazionale.

Le relazioni e le conoscenze in ambito tennistico nazionale e internazionale rappresentano un eccellente sostegno alla crescita del Torneo ITF di Gaeta.

Ernesto Coiro

Imprenditore, esperto in digital marketing.
Da sempre nello sport e per lo sport, ha partecipato

Guglielmo Santella

Communication expert del mondo finanziario e imprenditoriale, da sempre è amante e praticante

in area comunicazione all’organizzazione di importanti eventi di caratura nazionale ed internazionale.

La passione per lo spettacolo del tennis lo ha sovente portato con gli amici a coniugare turismo e amore per la racchetta ed è proprio durante questi viaggi che è maturata l’idea di portare a Gaeta, una location come poche, un evento di rilievo internazionale.

di sport. Strategie, pianificazione e il ritorno degli investimenti sono alla base dei progetti di comunicazione integrata realizzati nel suo percorso professionale.

Con Ernesto condivide la passione per il tennis da oltre 25 anni. Insieme hanno visitato i principali tornei Nazionali e Internazionali ed ora, la loro sfida è quella di portare il tennis di alto livello al CT Gaeta.

Gaeta

Affacciata sulla costa laziale del Mar Tirreno, a metà strada tra Roma (130 km) e Napoli (90 km), la città di Gaeta gode di una posizione geografica eccezionale che le garantisce un clima temperato e gradevole in tutte le stagioni.

Storia, arte, cultura, gastronomia e turismo sono solo alcune delle ricchezze che la rendono un luogo ideale per trascorrere soggiorni adatti ad ogni età e ad ogni preferenza, in un’atmosfera coinvolgente che ricorda ancora i fasti di epoche antiche.

Il mare cristallino, bandiera blu nel 2017, le spiagge dorate, insieme alle prelibatezze culinarie locali, fanno di Gaeta una location unica in Italia anche nell’offerta balneare.

Tra mito...

L’origine del toponimo Gaeta è ancora oggi avvolto da un’aura leggendaria.

L’antico nome si ritrova già nella tradizione letteraria greca e latina. Virgilio, ad esempio, nel VII libro dell’Eneide, indicò la sua origine nel nome della nutrice di Enea, Caieta (nome latino di Gaeta), sepolta dall’eroe troiano proprio nel luogo in cui sorse la cittadina laziale.

Secondo lo storico siceliota Diodoro Siculo l’origine del nome si legherebbe all’antica

città di Aietes, padre di Medea. La maga, innamorata di Giasone, sarebbe quindi l’anello di congiunzione che collegherebbe la città di Gaeta direttamente al mito degli Argonauti.

C’è infine la versione di Strabone che nella sua opera parla del golfo detto Kaiata – chiaro collegamento all’antico nome greco della città, Kaièta – usato dai Laconi per indicare ogni cavità, compreso il golfo omonimo di Gaeta.

Enea fugge da Troia portando sulle spalle il padre Anchise. Lo seguono il figlio Ascanio e la nutrice Caieta. Raffaello (1483-1520), Stanze di Raffaello, Musei Vaticani

...e storia

Il castello Angioino-Aragonese
domina il golfo di Gaeta.

Nel 345 a.C. Gaeta finì sotto l’influenza di Roma, ma le prime tracce di insediamenti sul territorio risalgono al IX-X secolo a.C.

Come colonia romana, la città divenne un luogo di villeggiatura rinomato e molto conosciuto. Non era insolito incontrare imperatori, ricchi patrizi, consoli e famosi senatori dell’epoca e già al tempo si iniziava

a delineare quel carattere accogliente e ospitale che ancora oggi caratterizza la cittadina del litorale.

Dopo la caduta dell’Impero romano d’Occidente, in epoca Medievale, Gaeta e i suoi abitanti vissero un periodo buio e di trasformazione, dovuto soprattutto alle scorrerie e ai saccheggi dei barbari prima e dei saraceni poi. Ma la città seppe sfruttare la naturale posizione geografica per edificare una fortificazione di difesa, probabilmente durante la guerra contro i Goti, ancora oggi tra i luoghi più conosciuti della città: il castello Angioino-Aragonese.

Con l’indipendenza dall’autorità bizantina, intorno al IX secolo, nell’839 la carica di Ipato (console della città) fu affidata a Costantino I, figlio del conte Anatolio capostipite della famiglia Caetani, che di fatto è considerato il primo sovrano della città.

La storia del Ducato di Gaeta prosegue con una sua autonomia militare, politica e giurisdizionale per oltre due secoli. È in questo periodo che la città può essere considerata una vera e propria Repubblica Marinara con istituti giuridici civici autonomi, una propria moneta – il “follaro” – e un

considerevole sviluppo economico attraverso
i traffici commerciali marittimi.

L’indipendenza durò fino agli inizi del XII secolo con l’arrivo del Principe di Capua che, nel 1140, in nome di Ruggero II di Sicilia della dinastia degli Altavilla, conquistò la città e depose il duca Riccardo III.

Tra il 1266 e il 1442, sotto il dominio delle dinastie di origine Angioina e Angioina-Durazzesca, Gaetà continuò a ricoprire un ruolo rilevante nello scenario politico e militare del regno tanto che, nel 1435, Alfonso V d’Aragona fece della città

la base per la conquista del trono di Napoli a discapito di Renato, ultimo sovrano della dinastia Angioina a regnare nel Meridione d’Italia, sconfitto definitivamente nel 1442.

Durante il periodo aragonese la città subì ben quattordici assedi che coincisero con importanti e spesso cruciali avvenimenti storici, a partire dalla sconfitta del Ducato di Gaeta con la conseguente annessione al Regno di Sicilia. L’ultimo fu l’assedio decisivo, quello avvenuto tra il 1860 il 1861 ad opera delle truppe del generale Enrico Cialdini, che sarà poi nominato duca di Gaeta, e che portò alla proclamazione del Regno d’Italia.

A spasso tra natura e cultura

La penisola gaetana è un palcoscenico esclusivo dove l’incontro tra natura e cultura regala paesaggi e luoghi unici e irripetibili.

Il mare, che sin dall’antichità ha accompagnato lo sviluppo della città, offre nei 10 chilometri che separano Sperlonga da Gaeta luoghi suggestivi per storia e fascino. Percorrendo la via Flacca, strada costiera che serpeggia tra la terra e il mare, si può godere di paesaggi tra i più belli d’Italia. Le 7 famose spiagge e calette, intervallate dalle torri genovesi, danno un ritmo poetico al paesaggio e ne ricordano l’immenso valore storico e artistico. Ma anche l’entroterra offre itinerari incantevoli e affascinanti che regalano percorsi tra arte e storia, avvolti da una natura che offre suggestioni olfattive e cromatiche particolari in tutte le stagioni.

Tra i più affascinanti c’è senza dubbio il percorso storico-naturalistico di Monte Orlando che conduce al Santuario della Montagna Spaccata. È qui che la storia incontra la leggenda. Lungo il percorso che si dipana tra la macchia mediterranea e le falesie e che conduce alla grande fenditura che secondo la tradizione si sarebbe creata alla morte di Cristo, spuntano antiche polveriere e batterie di epoca borbonica.

È ancora la tradizione a narrare che un turco miscredente, poggiando la mano sulla parete rocciosa la trovò incredibilmente morbida e molle tanto che l’impronta della sua mano è tutt’oggi visibile ai visitatori.

Ma la città offre anche itinerari suggestivi nel centro abitato, con le sue chiese e il vecchio Quartiere Medievale, oltre al Museo Diocesano che raccoglie dipinti provenienti dalle chiese di Gaeta e da tutta la diocesi.

Infine il Castello Angioino-Aragonese, antico carcere militare, è oggi nella sua parte Angioina la sede dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e, per l’altra metà, è sede della Scuola Nautica della Guardia di Finanza.

Da sinistra: una panoramica di Gaeta
con il Monte Circeo che si intravede all’orizzonte.
La roccia con l’impronta della mano che secondo
la leggenda è appartenuta ad un marinaio turco.
La scalinata all’interno della Montagna Spaccata
che conduce alla Cappella di San Filippo Neri.
Il convento di San Francesco e la vista che si gode
dallo spiazzo davanti alla chiesa.
Il Santuario della Santissima Annunziata.

Gastronomia gaetana

Come tutte le città di mare l’offerta gastronomica legata al pesce è rinomata e assortita. Il mercato di Gaeta offre quotidianamente un pescato del giorno fresco e ricco che poi si ritrova nei menù dei migliori ristorani o sulle tavole degli abitanti del luogo.

Ma l’offerta culinaria di Gaeta si arricchisce anche di prodotti agricoli della zona. Il suo golfo e l’intero territorio sono infatti noti per la varietà e la bontà dei prodotti tipici che di anno in anno vengono sempre più esportati ed utilizzati nelle cucine di tutta Italia e del mondo.

Famosa per il suo colore violaceo e il suo sapore amarostico, l’oliva di Gaeta DOP è tra i prodotti più apprezzati della cucina locale.

Tra i piatti più gustosi vi è invece la “Tiella di Gaeta”, una torta salata composta da due dischi di pasta morbida, uniti lungo i bordi schiacciandoli con le dita, che custodiscono un ripieno preparato con ingredienti di terra o di mare a seconda della fantasia dello chef.

Come dimenticare poi gli spaghetti alla Nostromo! Un primo piatto tipico condito con pomodoro, cozze, vongole e mazzancolle.

Ma l’offerta culinaria non si esaurisce qui. C’è la zuppa o pesce all’acqua pazza, fritture, spiedini, pesci arrostiti, le triglie e la scapece, una salsa gaetana ideale per condire il pesce azzurro come le alici, le sarde e lo sgombro.

Lo staff organizzativo è lieto di incontrarla per definire la partnership per il Torneo Internazionale di Tennis Città di Gaeta 2018.

Grazie per l’attenzione.

Segreteria CT GAETA:
Via Annunziata snc Gaeta, 04024 (LT)

telefoni
+39 (0)771 46 07 41
+39 393 927 20 16
+39 329 016 73 08

www.ctgaeta.it – info@ctgaeta.it